© 2017 by ASSAUS. Created with Wix.com

  • Facebook Social Icon
  • w-facebook
  • Twitter Clean
  • w-vimeo

“UNIVERSO 3°I 41.9183532 N - 12.5065285 E” *

(only in Italian)

Video installazione di Silvia De Gennaro e della classe 3°I della Scuola Secondaria di I grado “Luigi Settembrini” di Roma

coordinamento Prof.ssa Maria Moschetta.

 

In competizione, nella sezione Laboratori con le scuole, al “Media Art Festival” - curato dalla Fondazione Mondo Digitale

Museo MAXXI , Roma – 27/29 Aprile 2017

L'opera consiste nella rappresentazione tridimensionale della mappa eclettica dell'Universo dei ragazzi e ragazze della 3°I.

 

Per mappa eclettica s'intende una mappa che oltre ai luoghi geografici rappresenti, contemporaneamente, anche gli spazi del pensiero e delle emozioni.

 

L'”Universo della 3°I”, quindi, è formato dal “Piano del territorio fisico” e dall'insieme dei “Territori mentali”; intorno a questo sistema ruota un anello costituito da venticinque cubi, sulle cui facce sono riportati i selfie degli studenti, a rappresentare loro stessi che osservano il proprio universo.

IL PIANO DEL TERRITORIO FISICO

Prendendo come riferimento l'edificio dell'Istituto Settembrini, luogo centrale della loro vita 'condivisa', e localizzando su Google Maps le singole abitazioni degli studenti, si è evidenziata un'area di interesse comune che ha dato forma al Piano del Territorio Fisico.

 

Qui si trovano le case degli studenti (parallelepipedi bianchi), l'edificio scolastico (parallelepipedo rosso), i luoghi di attività varie (parallelepipedi di diversi colori) e i percorsi (linee gialle) che i ragazzi compiono per spostarsi da un luogo all'altro.

TERRITORI MENTALI - I SETTE PIANETI

Inizialmente, ai ragazzi sono stati assegnati sette pianeti: Web, Cultura, Natura, Spiritualità, Adulti, Felicità e Inquietudine.

 

Dato che un universo collettivo è la somma di universi singoli, per poter determinare il volume e il colore dei Pianeti, si è dovuto per prima cosa visualizzare gli universi “personali” dei ragazzi.

Questi, riflettendo sulla propria esistenza, hanno realizzato un grafico, attribuendo ai pianeti una dimensione proporzionale al valore che questi hanno nella loro vita e scegliendo un colore che meglio li rappresenti.

 

Dalla media dei risultati di questi grafici, si è ottenuto un grafico “collettivo” che ha determinato i colori e la forma definitiva della struttura planetaria.

TERRITORI MENTALI - I SATELLITI

 

Gli studenti, oltre a suggerire la grandezza e il colore dei Pianeti, hanno anche indicato lo specifico settore frequentato all'interno dell'argomento/pianeta.

 

I settori più citati sono quelli che si sono poi trasformati nei Satelliti dell'Universo 3°I.

 

Ad esempio, per il Pianeta del Web si può trovare il “Satellite Instagram” e il “Satellite YouTube”; per il Pianeta della Felicità, il “Satellite Amici” o il “Satellite Gioco” e così via.

GRAFICI DEGLI UNIVERSI PERSONALI REALIZZATI DAI RAGAZZI

LEGENDA PIANTA UNIVERSO COLLETTIVO

LEGENDA VISTA 3D UNIVERSO COLLETTIVO

IL VIDEO

Raccolti ed analizzati tutti i dati, si è potuta realizzare la video animazione-3D dell'Universo 3°I.

 

Nell'arco temporale di un giorno, il sistema rotea in un cielo stellato che riporta esattamente le costellazioni visibili a Roma il 27 aprile 2017 alle ore 19:00 (inaugurazione della mostra).

 

A seconda dell'orario, gli studenti, rappresentati da piccole sfere rosse, si spostano all'interno dell'Universo.

 

Voci registrate in classe con il cellulare fanno da commento sonoro ai vari momenti della giornata, mentre dei tweet scritti dagli studenti, con gli hashtag dei pianeti, sfrecciano come meteore nello spazio.

LA VIDEO INSTALLAZIONE

 

L'Universo 3°I, in continua espansione come tutti gli universi, fuoriesce dallo schermo invadendo lo spazio circostante, fino a inglobare nel proprio territorio il luogo stesso dell'esposizione.

 

*= Il titolo dell'opera è composto dal nome della classe che ha partecipato al laboratorio e dalle coordinate geografiche della scuola da loro frequentata.